Sabato 3 febbraio alle 17.30 presentiamo “Schiavoni blues” di Antonio Rigo Righetti, Edizioni Artestampa,
A seguire un momento di chiacchiere e aperitivo.

Schiavoni blues è il libro che il rocker Antonio Rigo Righetti scrive su un luogo amato follemente dai modenesi giovanissimi, giovani e meno giovani.
Incredibile è il legame di un musicista che ha fatto la storia del rock italiano, Antonio Rigo Righetti, ad un angolo della tradizione modenese più autentica, il bar Schiavoni.

Proprio nella minuscola dimensione di questo bar, si è creato un mondo, o meglio, venivano ad incontrarsi più mondi e realtà radicalmente diverse, facendone un punto di ritrovo fuori dal tempo. A gestirlo l’imponente e mitica figura di Guido, il padre di Rigo, a cui il musicista ha voluto dedicare questo romanzo, parzialmente autobiografico, ed in un certo senso un racconto di formazione. Ed in quel bar si incontravano gli agricoltori che portavano la propria merce al mercato, insieme ai personaggi che vivevano allora il mondo della notte e per cui quello era una delle tappe di un circuito sotterraneo di bar e osterie, o ancora, gli anni della politica vissuta dalle persone ancora con protagonismo, dove decisioni potevano nascere dietro a un bicchiere, e per finire, non ultimo, l’introduzione di quello che ormai è norma, il concetto di street food, anche se allora non si chiamava certo così.

La nostalgia per quel mondo scomparso e per una città “dove il futuro pareva contenere molto di più che un’alba nuova tutti i giorni” e ora irrimediabilmente mutata, si fa palpabile nelle pagine di questo libro.